Infissi e serramenti come beneficiare della detrazione 65

Sostituzione infissi - Detrazione 65 per cento
Sostituzione infissi - Detrazione 65 per cento

Infissi e serramenti - Come beneficiare della detrazione 65%

Novità finestre e serramenti

Abbiamo già parlato della detrazione 65% di cui si può usufruire fino al 31 dicembre 2013, in particolare abbiamo visto quali sono gli obiettivi del decreto legge 63 del 4 giugno 2013 e i vantaggi per chi decidesse di fruirne.

Ora, ci soffermeremo sui requisiti tecnici che deve avere l’edificio su cui si esegue l’intervento e sulle caratteristiche dei nuovi infissi.

Requisiti tecnici dell’edificio

Si può accedere alla detrazione 65% solo se l’edificio esiste già ed è dotato di un sistema di riscaldamento. Non ci sono, invece, limitazioni date dalla tipologia catastale; è possibile richiedere la detrazione per:

  • abitazioni,
  • uffici,
  • negozi,
  • attività produttive,
  • attività artigianali.

Attenzione, è importante che gli infissi da sostituire delimitino il volume riscaldato e quindi siano rivolti verso l’ambiente esterno o verso locali non riscaldati. In parole povere, non rientrano nelle detrazioni al 65% gli infissi montati in scantinati, vani scala e simili; in questi casi, si può verificare se sussistono le condizioni per beneficiare della detrazione fiscale sulle ristrutturazioni edilizie (50%).

Requisiti tecnici degli infissi

E’ importante sapere che per usufruire della detrazione fiscale del 65% gli infissi che si vanno ad installare devono rispettare i criteri di trasmittanza termica.

Ma cos’è la trasmittanza termica? E’ una grandezza fisica che indica la quantità di calore che, nell’unità di tempo, attraversa un elemento con superficie di 1 mq in presenza di una differenza di temperatura di 1° C tra l’interno e l’esterno. Più semplicemente, è possibile affermare che un valore basso di trasmittanza corrisponde a poco calore trasmesso, quindi un infisso è tanto più performante quanto più sarà basso il suo valore di trasmittanza.

Per poter accedere alle agevolazioni fiscali è necessario assicurarsi che i valori di trasmittanza termica degli infissi vengano rispettati, attenzione però i valori variano al variare della zona climatica in cui è situato l’edificio.

Le zone climatiche in Italia sono 6 e hanno caratteristiche diverse; sono definite in base alla differenza tra la temperatura che si mantiene nelle case riscaldate (20° C) e la temperatura media esterna. Individuare la propria zona climatica è semplice; on line è possibile trovare alternative diverse, una possibilità è quella offerta dall’Unione Nazionale costruttori serramenti alluminio acciaio e leghe attraverso questo link.

Una volta individuata la zona climatica, è facile conoscere il valore limite di trasmittanza che il serramento deve rispettare per accedere alla detrazione fiscale per il risparmio energetico.

Assicuratevi che i valori di trasmittanza degli infissi siano riportati nella certificazione rilasciata dal serramentista.

Altre opere agevolabili

Si può usufruire della detrazione fiscale anche per i complementi - scuri, persiane, cassonetti accorpati al telaio dell’infisso - e per i portoncini.

Non va dimenticato che anche la sostituzione dei soli vetri con un vetrocamera oppure la creazione di un vetrocamera con l’aggiunta di un nuovo vetro beneficiano della detrazione: l’agenzia delle entrate parla di “interventi riguardanti strutture opache orizzontali, verticali e finestre comprensive di infissi che rispettino i requisiti di trasmittanza”.

Anche se in questo caso è più complesso avere certificazioni dettagliate che permettano di richiedere la detrazione.